MIRELLA PAGLIALUNGA SINDACA: PRESENTAZIONE PROGRAMMA ELETTORALE - Mirella Paglialunga Sindaca

MIRELLA PAGLIALUNGA SINDACA: PRESENTAZIONE PROGRAMMA ELETTORALE

Nella Civitanova del futuro non c’è Dubai, Miami o Barcellona. Ma più modestamente, e forse seriamente, una Civitanova quotidiana di maggiori servizi per il benessere di tutti e prima di tutti anziani e giovani. Mirella Paglialunga, la candidata sindaca che viene dal mondo della scuola, ha presentato questo pomeriggio, nell’area verde del quartiere 4 Marine, di fronte e circa 200 persone infreddolite nonostante qualche raggio di sole, il programma della coalizione di centrosinistra (sette liste tra partiti e civiche).

Non ci sono opere pubbliche megagalattiche ma una serie di interventi “dolci”, rispettosi del territorio, per migliorare, in sintesi, la qualità della vita dei civitanovesi e favorire il senso di comunità. La fotografia del discorso della candidata sindaca è stata fatta dall’ex consigliere regionale Alessandra Broccolo che, dopo l’illustrazione dell’aspirante sindaca, per prima ha preso la parola ed ha detto: «Mi fa piacere non aver ascoltato la parola sviluppo ma il concetto di prendersi cura della città, delle sue persone e della sua terra».

Mirella Paglialunga ha parlato soprattutto di ascolto dei cittadini e trasparenza nell’amministrare la città senza risparmiare frecciate al modo di operare del sindaco uscente Fabrizio Ciarapica. «Noi – ha esordito – abbiamo dato vita a questa coalizione dopo aver condiviso il programma. Non per essere contro qualcuno. Questo (una brochure di nove pagine di cui riportiamo i punti chiave, ndr) non è il programma definitivo ma una bozza. Ci aspettiamo proposte e suggerimenti da tutti. Iniziamo oggi un processo di partecipazione sociale. Il nostro obiettivo è il benessere di tutti e non (frecciata all’attuale Amministrazione comunale di centrodestra, ndr) fare gli interessi solo di alcune categorie o di alcune persone. Se saremo chiamati a governare la città ci sarà la massima trasparenza del bilancio comunale con scelte precise e relativi impegni di spesa. Cambierà il metodo del confronto con i cittadini e gli assessorati saranno interconnessi tra di loro. Non come oggi».

Le grandi scelte? «Più servizi. Ad esempio residenze per gli anziani e cure domiciliari. Poi percorsi pedonali e ciclabili per raggiungere le scuole. Luoghi di aggregazione dei bambini. Non si può spacciare la città dei bambini con le feste di parrocchia». E ancora: «Valorizzazione dei punti strategici della città che oggi sono abbandonati e sono diventati anche pericolosi. Vediamo il comparto Trieste come spazio culturale e turistico. Invece ci vorrebbero portare gli uffici comunali. Altro spazio da valorizzare a scopo culturale l’ex Tranvia».

«Traffico e viabilità: riconversione di spazi abbandonati a parcheggi scambiatori per liberare dalle auto il centro sia di Civitanova Porto sia di Civitanova Alta. Priorità alla creazione di spazi di aggregazione sociale a cominciare proprio dal quartiere 4 Marine dove ci sono solo case. Anche San Marone non ha più un centro civico mentre i locali comunali sono stati tutti affidati alle associazioni con tutto il rispetto per le associazioni. Se diciamo una piazza per ogni quartiere è una provocazione nel senso di creare in tutti i quartieri spazi di aggregazione pubblica».

«Anche il Varco sul mare – ha detto Mirella Paglialunga – deve essere destinato all’aggregazione sociale, culturale, artistica e musicale per la valorizzazione di iniziative turistiche». Sul fronte turismo la coalizione di centrosinistra punta sulla riqualificazione del lungomare nord con parcheggi dedicati, nuova piantumazione, pedonabilità e parcheggi. Sul fronte Università «impegno per favorire l’avvio di corsi di laurea e/o perfezionamento, aggiornamento, formazione permanente e continua, summer school, eccetera».

Nel programma di Mirella Paglialunga molto spazio è dedicato alla cultura. Ad esempio alla valorizzazione di personaggi di eccellenza storica come Annibal Caro, Enrico Cecchetti, Sesto Bruscantini e Sibilla Aleramo mediante eventi dedicati.

Per quanto riguarda l’economia, nella brochure, si legge: «Favorire la crescita mediante una logica di città policentrica e circolare interconnessa e con azioni turistiche, culturali e ricreative distribuite sul territorio».

Alla presentazione del programma elettorale hanno presenziato il segretario provinciale del Pd Angelo Sciapichetti, la segretaria del Pd civitanovese Lidia Iezzi, l’ex consigliere regionale Pd Francesco Micucci, Roberto Mancini leader di “Dipende da noi” ed altre personalità del mondo politico.

 

di Franco De Marco (foto di Federico De Marco)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.