«VI RACCONTO IL MIO TOUR NEI QUARTIERI PER UNA CIVITANOVA PARTECIPATA E INFORMATA» - Mirella Paglialunga Sindaca

«VI RACCONTO IL MIO TOUR NEI QUARTIERI PER UNA CIVITANOVA PARTECIPATA E INFORMATA»

La candidata sindaca del centrosinistra fa un bilancio dopo i sette incontri pubblici tenuti nell’arco di 12 giorni

Da Santa Maria Apparente (29 marzo) al borgo antico di Civitanova Alta (11 aprile), passando per Villa Pini e San Gabriele, Risorgimento, Centro e Zona Stadio, San Marone, Fontespina e IV Marine: nelle scorse settimane ho effettuato sette incontri con i cittadini dei diversi quartieri».

Mirella Paglialunga, candidata sindaca per la coalizione di centrosinistra a Civitanova racconta il suo viaggio nelle zone delle città e le finalità che l’hanno spinto. «Innanzitutto stabilire un rapporto diretto e di ascolto con i cittadini, confrontare le problematiche specifiche emergenti nei quartieri con gli obiettivi contenuti nel programma elettorale della coalizione di centrosinistra, le cui scelte sono frutto di una qualificata collaborazione diretta di tanti uomini e donne, delineare una strategia articolata ma unitaria per il futuro governo della città tenendo prioritariamente conto delle sensibilità e delle proposte dei residenti nei quartieri».

Paglialunga precisa: «La partecipazione, alta e positiva, mi ha permesso di acquisire ulteriori ed importanti informazioni per collocare le future scelte amministrative in una preciso quadro realistico di problemi e necessità dei cittadini civitanovesi. Da loro stessi è emersa forte l’esigenza, espressa da tutti e in tutti i quartieri, di costruire un rapporto con l’Amministrazione, animato dalla “democrazia partecipata e informata”, capace cioè di qualificare e motivare profondamente l’esercizio della cittadinanza. E’ necessaria una concertazione permanente con la città che si possa esplicare in tavoli di confronto su temi specifici ed operativi – evidenzia -. In questa direzione sottolineo anche la richiesta generale di dare ad ogni quartiere luoghi di “socialità comune”, “una piazza per ogni quartiere” secondo una affermazione del nostro programma, ma anche un bosco in ogni quartiere, un luogo di ritrovo comune da dedicare sia alla partecipazione “sociale” che alle attività culturali e ricreative».

La candidata sindaco del centrosinistra prosegue: «Un’altra esigenza generalizzata apre una riflessione attenta sulle strategie di ristrutturazione e riuso pubblico di edifici storici, spesso abbandonati o sacrificati alla speculazione immobiliare. Naturalmente i caratteri territoriali specifici dei diversi quartieri alimentano un vero e proprio repertorio di obiettivi locali che una amministrazione che faccia propri i principi della democrazia partecipata e della rendicontazione sociale dovrà essere in grado di integrare nella strategia generale e nel proprio programma di governo. Sensibilità e attese comuni vi sono invece su problematiche di più ampio orizzonte. Richiamo le più significative – continua Paglialunga -.Innanzitutto la viabilità. È diffusa la richiesta e l’attesa di una realizzazione di una “ciclabilità” come componente essenziale per attenuare il traffico automobilistico, non solo attraverso la pista ciclabile ma, come indicato nel nostro programma, sulla carreggiata e con la realizzazione di raccordi ciclabili che rendano possibile una mobilità cittadina in sicurezza complessiva, da quartiere a quartiere.

Le problematiche generali dell’ambiente, con la salvaguardia e la cura delle aree verdi, lo sviluppo di attività compatibili, il potenziamento della raccolta differenziata, ma anche o soprattutto con l’incentivazione allo sviluppo delle energie alternative: per esempio con la diffusione di pannelli solari e dispositivi di accumulo; si potrebbe dare priorità innanzitutto alle strutture balneari ed alle strutture di proprietà comunale, che potrebbero diventare del tutto autosufficienti e migliorare il bilancio energetico della città – dichiara -. La necessità di ristrutturare e riqualificare il Piano regolatore: bloccare le speculazioni immobiliari che si sono prospettate con la Amministrazione uscente, ma affrontare con obiettivi positivi e compatibili, le problematiche di sviluppo economico, urbanistico e sociale di una città in crescita come la nostra. Centrale sarà l’individuazione di soluzioni immediate per la limitazione del traffico cittadino anche mediante specifici accordi con l’Atac a sostegno della mobilità pubblica e la creazione di “parcheggi scambiatori” distribuiti nel territorio. Altre questioni importanti sono state denunciate – conclude – Gravi situazioni riguardanti la sicurezza, di mancata manutenzione di marciapiedi, strade, illuminazione, di mancanza di servizi accessibili decentrati. Tanti problemi ma anche tanta speranza che il governo cittadino riprenda in mano la cura per tutte le persone della nostra città. La coalizione di centrosinistra, una volta al governo della città, si impegnerà per soddisfare le esigenze emerse».

«Vi racconto il mio tour nei quartieri per una Civitanova partecipata e informata»

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.